La differenza tra capire e sentire

La percezione che ognuno di noi ha del suono è del tutto personale e dipende da molti fattori e dalle caratteristiche instrinseche della persona stessa. La differenza tra sentire un suono e capirlo sta proprio nel nostro cervello. L'essere umano sente con l'orecchio ma capisce con il cervello.

Il suono entra nel condotto uditivo e tramite un sistema di trasmissione composto dal timpano e dalla catena degli ossicini arriva nell'orecchio interno, dove le cellule cigliate lo trasformano in impulso nervoso elettrico. Infine questi segnali raggiungono il cervello, andando a stimolare le aree della corteccia cerebrale deputate all'udito che tramite la memoria uditiva presente in ognuno di noi danno un significato a ciò che ascoltiamo.

Questo processo, in caso di una perdita uditiva, non avviene in maniera completa, in quanto tutti i codici sonori non raggiungono il cervello comportando a lungo termine un rallentamento e di conseguenza una diminuzione nella comprensione delle parole.

 

allena il tuo cervello punto acustico due

Allena il tuo cervello

Noi di Punto Acustico Due perseguiamo una precisa filosofia: rieducare il cervello a capire.
Attraverso i nostri percorsi di riabilitazione uditiva strettamente personalizzati ed ai nuovi ausili protesici di ultima tecnologia abbiamo la possibilità di rieducare il cervello ad accedere ad una quantità maggiore di suoni.


Questo perché, secondo i nuovi principali studi audiologici, il cervello deve poter accedere all'intero scenario sonoro per funzionare e decodificare i codici in maniera corretta. Infatti un limitato scenario sonoro può trasformare un problema uditivo in un problema cognitivo.